I cittadini devono difendersi da ogni abuso, la legge è uguale per tutti
Tribunale dei Ministri

I cittadini che stanno sistematicamente subendo danni ingiusti da parte di pubblici ufficiali che, ritenendo di beneficiare di uno scudo penale, con le loro condotte violano la legge, devono sapere che possono ed anzi devono cominciare a depositare presso le Procure della Repubblica le loro circonstanziate e documentate denunce affinché ogni comportamento penalmente illecito sia perseguito a norma di legge.

Per i meno abbienti c’è l’istituto del gratuito patrocinio che consente di utilizzare gli avvocati iscritti nel relativo elenco, i quali verranno poi retribuiti dallo Stato.

Ecco il dispositivo, come modificato dall’art.23 del d.l. n.76/2020, del vigente reato che più frequentemente viene commesso dai pubblici ufficiali :

Art. 323 Codice Penale – ABUSO DI UFFICIO

Salvo che il fatto non costituisca un più grave reato, il pubblico ufficiale o l’incaricato di pubblico servizio che, nello svolgimento delle funzioni o del servizio, in violazione di specifiche regole di condotta espressamente previste dalla legge o da atti aventi forza di legge e dalle quali non residuino margini di discrezionalità, ovvero omettendo di astenersi in presenza di un interesse proprio o di un prossimo congiunto o negli altri casi prescritti, intenzionalmente procura a sé o ad altri un ingiusto vantaggio patrimoniale ovvero arreca ad altri un danno ingiusto, è punito con la reclusione da uno a quattro anni.

La pena è aumentata nei casi in cui il vantaggio o il danno hanno carattere di rilevante gravità.”

Trattasi di reato procedibile d’ufficio, che prevede l’arresto facoltativo ed è di competenza del Tribunale Penale Collegiale.